Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

Quel Drago di deputato




Signornò, da L'Espresso in edicola

Nel 2008, alla vigilia delle ultime elezioni, Berlusconi dichiarò solennemente: "Non candideremo supposti autori di reati". Infatti i supposti non li candidò: solo quelli certi. Anche Casini, nella campagna elettorale del 2006, aveva giurato a "L'espresso": "A parte Cuffaro, in Sicilia non ricandideremo nessun inquisito". Infatti, fra gli altri, candidò Giuseppe Drago, ragusano, all'epoca condannato in appello per peculato. Nel maggio 2009 Drago è stato condannato pure in Cassazione: tre anni di reclusione (coperti dall'indulto) e interdizione perpetua dai pubblici uffici (poi ridotta anch'essa a tre anni). In un Paese serio, sarebbe stato subito accompagnato all'uscio di Montecitorio: "Arrivederci alle prossime elezioni". Invece la giurisprudenza domestica vigente tra i politici italiani prevede che, anche sulle sentenze definitive, si pronunci il Parlamento. La giunta per le elezioni della Camera ha cincischiato 14 mesi, poi finalmente il 29 luglio ha deciso ciò che aveva già stabilito la Cassazione: Drago è ineleggibile, dunque deve sloggiare sino a fine legislatura.

Se n'è andato? Nemmeno per sogno: deve ancora pronunciarsi l'aula. Nell'attesa, il deputato abusivo è entrato di diritto nel "gruppo di responsabilità nazionale" corteggiato dal premier per colmare il vuoto aperto dai finiani e votargli lo scudo spaziale. Drago non si è fatto pregare e, insieme ai corregionali Cuffaro, Mannino e Romano, ha preso a contestare la scelta dell'Udc di non vendersi al governo. Nella sua posizione, restare all'opposizione potrebbe rivelarsi rischioso. Meglio trasvolare nella maggioranza: chissà che, fra un'impunità e l'altra, non ci scappi qualcosa anche per lui. Ma che ha fatto Drago per buscarsi tre anni per peculato? Semplice. Nel 1998, allo scadere del suo breve mandato di presidente della Regione Sicilia, svuotò la cassa dei fondi riservati e si portò via i 268 milioni di lire ivi contenuti. Così, quando arrivò il nuovo governatore, il Ds Angelo Capodicasa, trovò le casse vuote. Se ne accorse quando dispose l'acquisto di lenzuola nuove per l'appartamento presidenziale, ma si sentì rispondere che non c'era più una lira. E dovette metter mano al portafogli.
 
"Quei soldi li ho spesi in beneficenza", balbettò Drago. E portò alcune pezze giustificative. Ma i giudici scoprirono che erano state fabbricate a posteriori. Così lo condannarono. Come pure la Corte dei Conti, che gli impose di restituire il maltolto "usato arbitrariamente per spese personali". Casini lo premiò con la vicepresidenza del gruppo Udc. E Berlusconi con una poltrona di sottosegretario. Ora che è ufficialmente un pregiudicato, il premier lo vuole tutto per sé. Forse non sa che Drago, come gli yogurt, ha la data di scadenza: appena la Camera vota la sua ineleggibilità, diventa inservibile e bisogna comprarne un altro. A meno che la maggioranza non voglia ribaltare il voto della giunta e lasciarlo in Parlamento. In fondo, non c'è nulla di più provvisorio delle sentenze definitive.
(Vignetta di Natangelo)

Segnalazioni

Una sola lotta - Ucuntu n.87,  edizione straordinaria in occasione della manifestazione No Ndrangheta del 25 settembre 2010 a Reggio Calabria.

Dall'associazione Paolo Sylos Labini:
La vicenda dell'Unicredit riporta in primo piano il ruolo delle banche nell'economia
La strada autoritaria della FIAT ci porterà in un vicolo cieco 
Un articolo di Emiliano Brancaccio segnala il ritardo della sinistra nei confronti della globalizzazione dei mercati

Sabato 25 settembre, Carrù (CN), ore 18 - Marco Travaglio presenta "Ad personam". C/o piazzetta antistante il Caffè Einaudi.



Pubblicato il 24/9/2010 alle 16.51 nella rubrica Marco Travaglio.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web